“Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro”

11 09 2014

Carissima famiglia,

anche se forse ancora non ci conosciamo, vi raggiungo con queste righe per condividere, in qualche modo, la nostra vita, attraverso una proposta.

Domenica 21 settembre vorremmo, in maniera particolare, far sentire che la comunità cristiana è vicina a chi soffre, a chi ha il cuore ferito. Tante possono essere le situazioni. Me ne vengono in mente alcune: chi è malato (anziano o giovane che sia); chi ha qualche disabilità; chi sente il peso degli anni che passano; chi è senza lavoro, o vive nell’instabilità lavorativa; chi ha chiuso la propria attività perché non riusciva più a proseguire; chi soffre per i legami coniugali o familiari interrotti o deteriorati; chi non sa che scelte importanti fare per la propria vita; chi non ha più voglia di vivere; chi si sente appesantito dai propri sbagli; chi si sente solo o isolato o non integrato; chi è nel lutto per la perdita di una persona cara; chi si sta prendendo cura dei propri genitori anziani o ammalati; chi è in pensiero per il futuro dei figli; chi ha figli affetti da malattia o disabilità; … .

Domenica 21 settembre, alla messa delle ore 11.00, in occasione della festa della Madonna della Cintura, ciascuno possa sentirsi ricordato nella propria situazione e possa mettersi, insieme alla comunità cristiana che si riunisce per l’eucarestia, davanti a Dio con la propria umanità e con quella di ogni parrocchiano. È un modo per … Leggi il seguito di questo post »